Cose bibliche superate

L’incitamento agli stermini di donne, vecchi, bambini e animali? Quelle sono le parole di Dio? Conosce Scattolon le ingiunzioni – che fanno drizzare i capelli per l’orrore –  di Deut 13: 16; Deut 20: 13-14;  Salmo 109: 4-13; Num 25; 1 Samuele 15: 13; 1 Samuele 22: 19; Esodo 12: 29? E quello che comanda Mosè in Num 31:17-18; e quello che fece Giosuè a Gerico – Giosuè 6:21 –  lo conosce?  Jahvè, il padre amoroso di Gesù, incita allo sterminio, e se la Bibbia, che è la parola di Dio, va presa sul serio quando “cita i cani 32 volte con disprezzo” –  come ci dice Scattolon –  perché non va presa sul serio anche quando incita al massacro degli inermi umani e non umani?

E accetta ancora Scattolon l’ingiunzione di Paolo e Pietro sulle donne dal momento che accetta quello che dicono la sacre scritture sui cani?

È valido ancora quello che dicono Paolo e Pietro in Colossesi 3: 18; 1 Corinzi 11: 3; 1 Corinzi 11: 9; 1 Corinzi 14: 34; Efesi 5: 22-23; 1 Timoteo 2: 11-12; Pietro 3: 7 ?

E la lapidazione di Deut 22: 20-21 per le donne non più vergini va ancora presa seriamente? Perché in quel caso si annienterebbe un continente.

E se un pastore ha rapporti con una capra – come dice Esodo 22: 18 – va ancora massacrato?

E i gay – come ci ingiunge Levitico 20: 13 – dobbiamo lapidarli? Perché se lo facciamo si paralizzano le arti.

E le scappatelle matrimoniali dobbiamo punirle – come dice Deut 22: 22 e Levitico 20: 10 – con la morte?

Perché in quel caso svanirebbe mezza nazione dati i livelli di infedeltà coniugale.

E chi insulta padre e madre – come ingiunge Levitico 24: 16 – va messo a morte? Perché anche in quel caso si svuoterebbe la nazione.

E chi bestemmia – come ingiunge Levitico 20: 9 – va trucidato? Perché in quel caso svanirebbe la Toscana.

E le ingiunzioni sulla schiavitù di Paolo e Pietro sono ancora valide se il giudizio sul cane regge nei tempi?

Sono ancora valide le prescrizioni in Romani 13: 1; Efesi 6: 5; Colossesi 3: 22; Timoteo 6: 1; Tito 2: 9-10; 1 Pietro 2: 18 ?

E se ci ribella contro un potere iniquo è ancora valida l’ingiunzione di 1 Samuele 15: 23?

Non vanno più bene? Il tempo le ha obliterate? Allora si cambia: contrordine compagni! Ma le ingiunzioni negative sulle bestie rimangono. Quelle restano eternamente. Lapidari e incrollabili: 36 citazioni, di cui 32 di chiaro disprezzo. La Bibbia è come il Corano ognuno ci legge quello che vuole.

Secondo al-Raghib al-Isfahani dice: “Carne che mangia carne! che atto abominevole!”

Nella Bibbia il cane, il miglior amico dell’uomo, compare in 36 citazioni, di cui 32 sono di chiaro disprezzo.

Diceva Gesù: “Non date le cose sante ai cani, date loro le briciole”

Gesù equipara i cani ai pagani dicendo che prima bisogna preoccuparsi degli ebrei (i bambini) e poi dei pagani (i cani) Sic!.

La pagana chiede al Cristo che liberi sua figlia da un demonio e lui risponde: saziamo prima i figli e poi i cagnolini. E lei a questo punto dice: anche i cani ricevono le briciole del pane dei bambini. E lui commosso cura la figlia.

E la lapidazione di Deut 22: 20-21 per le donne non più vergini va ancora presa seriamente? Perché in quel caso si annienterebbe un continente.

Bookmark the permalink.

Lascia una risposta